rai4





Alan N. Shapiro

41° Puntata, Venerdì 26 ottobre, alle 22:45

    » Segnala ad un amico

    “Nei primi trent’anni degli studi di fantascienza, i professori hanno studiato unicamente la fantascienza d’avanguardia. Si sono detti: prendiamo in considerazione Metropolis di Fritz Lang, oppure studiamo David Lynch, che è un grande cineasta d’avanguardia, vediamo qual è la fantascienza che ha realizzato, poi vediamo Blade Runner o le serie sugli alieni. Ma prima del mio libro, non avevano mai preso in considerazione la fantascienza mainstream come Star Trek, per cui si è aperta la possibilità di studiare Star Trek, l’opportunità di portare la cultura intellettuale «alta» dei professori e dei filosofi fuori dall’isolamento e affermare che, di fatto, c’è molta filosofia e anche filosofia della tecnologia che informa delle serie televisive come Star Trek.”

     

    “Le migliori storie di Star Trek – nella serie originale, in The Next Generation, Deep Space Nine, Voyager, Enterprise e nei film – sono storie che, per me, equivalgono a letteratura. Infatti, la mia posizione è che i film e la televisione sono la letteratura di oggi. E negli studi letterari, nelle università, […] possiamo certamente studiare James Joyce, Franz Kafka, Ernest Hemingway e Shakespeare. Ma ho anche detto, nel corso di alcune interviste che mi sono state fatte alla radio in Germania, che Star Trek è altrettanto importante di quanto lo sia la Bibbia o Shakespeare. Star Trek è un testo di letteratura contemporanea, che ci dice che siamo ad un incrocio.”

     

    Sommario

     

    Mainstreaming: viaggi multimediali tra i nuovi universi del fantastico

    Dishonored: il nuovo videogioco d’azione pubblicato da Bethesda Softworks ibrida l’immaginario steampunk con trame e atmosfere fantasy che rimandano all’Europa del XVII secolo, tra epidemie di peste, stregoneria e potere del clero.

     

    Copertina

    Star Trek - la serie classica e The Next Generation

    Creata da Gene Roddenberry nel 1964 e ambientata nello spazio profondo esattamente tre secoli dopo, la serie classica di Star Trek aggiorna l’immaginario avventuroso del filone space opera allo spirito degli anni sessanta, tra pionieristiche esplorazioni spaziali, pacifismo universale, metafore del presente e temi di riflessione filosofica e scientifica. Lanciata dallo stesso autore ventidue anni dopo, Star Trek - The Next Generation supera la rivalità tra Federazione dei Pianeti Uniti e Impero dei Klingon – riflesso di una guerra fredda ormai conclusa – e introduce l’antagonismo “cyberpunk” con gli androidi Borg.

     

    Intervista

    Alan N. Shapiro: poliedrico studioso di tecnologia, fantascienza, media e filosofia contemporanea, americano di nascita ed europeo d’adozione, ci spiega l’importanza, i significati e il successo della serie di Roddenberry, partendo dal suo innovativo e celeberrimo saggio Star Trek: Tecnologie della sparizione.

     

    Dizionario del fantastico

    Star Trek - la saga cinematografica (1° parte)

    Sull’onda dell’epocale successo del primo Guerre Stellari (1977), la Paramount risponde alla Fox trasformando il progetto di Gene Roddenberry per una Phase II della serie classica in lungometraggio per il grande schermo. Lo Star Trek (1979) di Robert Wise è però decisamente più adulto e denso d’implicazioni filosofiche della saga di George Lucas. A tornare allo spirito avventuroso degli esordi televisivi saranno i successivi tre film: Star Trek II - L’ira di Khan (1982), Star Trek III - Alla ricerca di Spock (1984) e Star Trek IV - Rotta verso la terra (1986), gli ultimi due dei quali diretti dallo stesso “Dr. Spock” Leonard Nimoy con imprevedibile ironia. Dopo il contestato Star Trek V - L’ultima frontiera (1989), stavolta ideato e diretto dal “Comandante Kirk” William Shatner, Star Trek VI - Rotta verso l’ignoto (1991) racconta, in toni di spy-story galattica, la fine della “guerra fredda” coi klingoniani, anticipando, anche sul grande schermo, il passaggio del testimone al cast di The Next Generation

     

     

    In replica, sabato 27 ottobre, alle 15:40

    martedì 30 ottobre, alle 01:25

    Rai.it

    Siti Rai online: 847