Wonderland

HELLBOY VS. FREDDY: RON PERLMAN E WES CRAVEN - Wonderland del 02/10/2015

  • Durata:00:21:14
  • Andato in onda:02/10/2015
  • Visualizzazioni:

“Non sono un amante della fantascienza, come spettatore, ma lavoro con molti registi che sono fanatici della fantascienza, come Guillermo del Toro, quindi, un po’ per associazione, sono diventato una specie di Christopher Lee o Vincent Price”. Ron Perlman Sommario Mainstreaming: viaggi multimediali tra i nuovi universi del fantastico Metal Gear Solid V: Phantom Pain (2015): dopo l’anticipazione dello scorso dicembre con il “prologo” Metal Gear Solid: Ground Zeroes, arriva l’atteso quinto capitolo della saga video ludica di Hideo Kojima. Ambientato in una versione ucronica degli anni 80, dove le tecnologie sono straordinariamente avanzate, The Phantom Pain è un prequel che riavvolge l'intera serie, tornando fino al primo capitolo di ventotto anni fa. Mad Max (2015): sulla scia del successo del sequel/reboot cinematografico diretto da George Miller, Mad Max torna anche sotto forma di videogame, con riuscite sequenze automobilistiche e la possibilità di combattere nei panni di Max. Intervista Ron Perlman: classe 1950 e volto iconico di molto cinema fantastico, Ron Perlman esordisce al cinema nel 1981 truccato da uomo di Neandertal nel preistorico La guerra del fuoco, di Jean-Jacques Annaud. Quest’ultimo lo dirige ancora nel 1986 in Il nome della rosa e nel 2001 nel kolossal bellico Il nemico alle porte. Spesso Perlman si è contraddistinto in ruoli che prevedevano un pesante make-up, come è accaduto per la serie tv del 1987 La bella e la bestia, L’isola Perduta (1996), tratto dal classico di H.G. Wells, e nel decimo film della saga cinematografica di Star Trek, La nemesi (2002). Con il regista Guillermo del Toro è Hellboy nell’omonimo film del 2004 e nel sequel The Golden Army realizzato quattro anni dopo. Ma per il regista messicano è un vero e proprio attore feticcio, dal momento che ha recitato nel suo film d’esordio Chronos (1993), in Blade II (2002) e Pacific Rim (2013). Tra i molti altri film a cui ha preso parte anche i cult Alien - La clonazione (1997) e Drive diretto nel 2011 da Nicolas Winding Refn. Omaggio a Wes Craven Wesley Earl Craven, conosciuto come Wes, entra nel mondo del cinema in veste di tuttofare sul finire degli anni ’60. Il film che lo porta sotto i riflettori è L’ultima casa a sinistra, del 1972, cruento rape & revenge che riesce immediatamente a fare scalpore. Segue, nel 1977, il seminale Le colline hanno gli occhi, tratto da una storia vera di cannibalismo nella Scozia del XVI secolo. Dopo una serie di film per la tv e il non troppo felice adattamento del fumetto DC Swamp Thing, firma sceneggiatura e regia di uno dei più importanti film horror della storia del cinema moderno, Nightmare – Dal profondo della notte (1984), che porta nell’immaginario collettivo l’iconico personaggio Freddy Krueger. Oltre allo script del terzo Nightmare, Craven tonerà a occuparsi in prima persona del demone degli incubi solo con il settimo film della saga, Nightmare – Nuovo incubo (1994). Un ulteriore punto fondamentale della carriera di Craven e del cinema dell’orrore odierno è Scream (1996), a cui rimane legato fino al quarto capitolo, datato 2011, sua ultima regia prima che la malattia lo ha portato via lo scorso 30 agosto.

Sito

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Commenti

Riduci
Navigazione alternativa dei video correlati